Notizie e approfondimenti

22-05-2020 - COVID-19: Ulteriori misure e rinvii in ambito IVA (DL 34/2020)

L’Italia ha previsto ulteriori misure sul fronte IVA (DL 34/2020, c.d. Decreto rilancio):
•    I termini per il versamento dell’IVA sono stati ulteriormente rinviati e precisamente:
  . i termini scadenti dal 9 marzo al 31 marzo sono rinviati al 16 settembre, per i contribuenti maggiormente colpiti dalla crisi (quali, ad esempio, i contribuenti operanti in specifici settori, i contribuenti con ricavi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta precedente, i contribuenti stabiliti in aree geografiche espressamente identificate);
  . i termini scadenti nel mese di aprile e maggio sono rinviati al 16 settembre, per i contribuenti che hanno riscontrato una riduzione dei ricavi a seguito della crisi (-33% o -50% a seconda delle dimensioni dei contribuenti ovvero della relativa dislocazione geografica) ovvero hanno avviato l’attività in data successiva al 31 marzo 2019.
•    Per i dispositivi anti COVID-19 (ad es. mascherine, disinfettanti per mani, guanti in lattice e simili, ventilatori polmonari e non solo) fino al 31 dicembre 2020 si applicherà l’esenzione IVA (con diritto della detrazione dell’IVA assolta a monte) e dal 1° gennaio 2021 si applicherà l’aliquota IVA ridotta pari al 5%.
•    I termini per l’accertamento (e altri atti) che sarebbero scaduti nel periodo intercorrente tra il 9 marzo ed il 31 dicembre 2020 sono notificati non prima del 1° gennaio 2021 ed entro il 31 dicembre 2021.
•    Il limite annuo per effettuare le compensazioni d’imposta (inclusa l’IVA) è stato innalzato, per il solo anno 2020, da EUR 700mila a EUR 1 milione.
•    Sono state soppresse le clausole di salvaguardia che prevedevano l’aumento delle aliquote IVA nei prossimi anni, salvo fosse stato garantito il gettito con altri misure
•    E’ stata rinviato al 1° gennaio 2021 il termine a partire dal quale l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di tutti i soggetti passivi IVA residenti e stabiliti in Italia le bozze di (i) registri IVA, (ii) liquidazioni periodiche IVA; (iii)  dichiarazione annuale IVA.
•    E’ stata rinviata al 1° gennaio 2021 l’applicazione della procedura automatizzata di riliquidazione dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche trasmesse tramite SDI.
Nessuna modifica in merito agli adempimenti tributari (diversi dai versamenti), che normalmente sarebbero stati dovuti nel periodo intercorrente tra l’8 marzo ed il 31 maggio, i quali continuano a dover essere effettuati entro il 30 giugno prossimo.

 

© 2020 R&A Studio Tributario Associato. All rights reserved.
P.IVA: 08845480014